Valanghe

Sono ufficiali le statistiche degli incidenti dello scorso inverno, e in tutto il mondo dove si praticano sport invernali, abbiamo avuto il peggior anno per quanto riguarda i morti sotto le valanghe, ben 242 contro una media trentennale di 120.

Dopo un inverno passato a tremare per le sparate dei poltici che sembrava volessoro irregimentare la frequentazione della montagna invernale si è tutto sedato fino al prossimo incidente.

Ora , prima della partenza della prossima stagione, viene da pensare cosa è successo, come mai tanti morti? stiamo vivendo momenti in cui la tecnologia ha fatto grandi passi (vedi Artva a 3 antenne, air bags ecc.) eppure i morti sono aumentati a dismisura. Forse è aumentata la frequentazione? non sembra per via della crisi sono certamente calate le giornate in montagna.

Io penso che giochino a sfavore alcuni fattori sia oggettivi che soggettivi :

1) maggiore fiducia nella tecnologia (Artva, Gps, telefonini, ecc.) fa rischiare di più

2) i media ora mostrano solo discese spettacolari in neve fresca e ciò spinge anche chi non ha esperienza a provare.

3) crisi vuol dire avere meno possibilità di recarsi in montagna e quindi il poco che rimane va sfruttato al massimo anche se c’è pericolo.

4) alternanza di periodi nevosi seguiti da rialxzi di temperatura improvvisi

5) poca cultura della montagna, difficoltà alla rinuncia quando necessario, cattiva informazione da parte dei media sulle vere cause degli incidenti.

Ora bisogna trovare cosa si può fare. Ditemi se siete d’accordo su queste mie valutazioni oppure se ne avete altre da aggiungere.

 

 

Valangheultima modifica: 2010-10-24T12:20:16+02:00da snowman52
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento